La progettazione e gestione di un e-commerce deve avere alle spalle una strategia che preveda l’integrazione di diversi fattori.

 

La decisione di aprire un e-commerce e, di conseguenza, di gestirlo non è un’operazione che può essere fatta senza aver prima progettato un’adeguata pianificazione alle spalle. Per la gestione di una piattaforma e-commerce occorre infatti avere sia competenze trasversali, che vanno dal marketing alla SEO, passando per l’analisi dei dati e la creazione dei contenuti, sia risorse, come tempo e budget. Quali sono quindi gli elementi da tenere in considerazione per sapere come ottimizzare un e-commerce e renderlo profittevole?

 

Gestione e-commerce, come creare una strategia vincente

Consiglio 1: l’analisi della concorrenza

Nel comprendere come lanciare un e-commerce il primo passo da compiere è rappresentato dall’analisi della concorrenza e del target di riferimento. Dopo aver definito gli obiettivi che si vogliono raggiungere grazie alla propria azienda online, è essenziale svolgere uno studio approfondito di come i competitors di settore si stanno muovendo sul web, e di quello che è il target a cui ci si vuole rivolgere.

 

Consiglio 2: la scelta della piattaforma

Un altro step fondamentale per creare una strategia di successo per la gestione di un e-commerce è dato dalla scelta della giusta piattaforma. In questo senso i suggerimenti sono di valutare:

  • la presenza e la stabilità a livello di funzionalità e-commerce (come i filtri prodotto, la whishlist, lo storico degli ordini, l’elenco dei prodotti visti di recente e simili);
  • l’elasticità nella personalizzazione del front end;
  • la semplicità e affidabilità del processo di acquisto (carrello, check out e gateway);
  • la presenza di reportistica e statistiche;
  • la possibilità di integrarsi con altri software e tool;
  • l’intuitività nella gestione della piattaforma stessa;
  • la possibilità di agire secondo logiche e funzioni SEO friendly.

 

Consiglio 3: l’ottimizzazione SEO

Fra gli strumenti di digital marketing utili a capire come ottimizzare un e-commerce, infatti, vi è proprio la SEO. In particolare, affinchè il proprio shop online venga indicizzato e valutato positivamente dai motori di ricerca è fondamentale inserire le keyword rilevanti, in maniera razionale e sensata, in elementi quali i Tag Title, gli H1 e H2 e gli Alt Text delle immagini. In questo modo i motori di ricerca riusciranno a individuare velocemente il tema di cui parlano le diverse landing page e schede prodotto del proprio e-commerce e, se l’ottimizzazione è stata svolta efficacemente, si vedranno i risultati in termini di visite al sito e conversioni.

 

Consiglio 4: User e Customer Experience

Strettamente legate alla SEO e funzionali al successo della strategia del proprio e-commerce, la User e Customer Experience rappresentano due elementi imprescindibili per rendere la navigazione degli utenti quanto più semplice e funzionale possibile. L’interfaccia grafica dello shop online dovrà quindi essere di design, facilmente comprensibile e accattivante, e al tempo stesso bisognerà andare a lavorare su contenuti di qualità e di valore e sulla velocità del sito.

Ci sono però anche altri aspetti da considerare quando si parla di come ottimizzare un e-commerce: ecco di seguito altri consigli e suggerimenti.

 

Come ottimizzare un e-commerce? Altri fattori da considerare

Consiglio 5: le campagne di direct marketing

Specialmente quando si parla di come lanciare un e-commerce e come renderlo di successo, la user e customer experience devono andare di pari passo con le campagne di direct marketing. In particolare, i contenuti sviluppati dovranno essere altamente personalizzati, capaci quindi di stimolare gli utenti anche in base al loro comportamento sullo shop online. Questo significa che tali messaggi customizzati dovranno tenere conto dei prodotti visualizzati, dei carrelli abbandonati e dello storico degli acquisti effettuati.

 

Consiglio 6: l’advertising online

Allo stesso modo, soprattutto per un e-commerce appena lanciato, l’online advertising è uno strumento imprescindibile per provare ad avere successo. Fra le fonti di traffico principale degli store online ci sono molto spesso le campagne di advertising di Adwords e Facebook: grazie alle ads è possibile far conoscere il proprio brand e i suoi prodotti, intercettando gli utenti qualificati in diversi contesti, come Facebook, Google e siti che trattano di argomenti correlati al proprio e-commerce. Contemporaneamente le campagne di advertising online sono utili anche per fare remarketing, ovvero per andare a intercettare nuovamente quegli utenti che erano già entrati in contatto con il brand senza però acquistare, per stimolarli a finalizzare l’azione.

 

Consiglio 7: l’importanza del mobile

Il successo di una strategia per un e-commerce, infine, è determinato anche e soprattutto dall’ottimizzazione dello stesso non solo per una navigazione da desktop, ma anche da mobile. In questo senso diventa fondamentale mettere al centro i dispositivi mobili, per cui andrà pensata un’esperienza utente sul sito ad hoc, che integri lo shopping online, ad esempio, con le piattaforme social, e sia quindi in grado di attrarre tutti quegli utenti che sempre di più acquistano da mobile.

 

Comment, Like, Share

Come raggiungere il cliente indiretto

In questo white paper, analizziamo il ruolo che i giganti dell’e-commerce rivestono oggi e suggeriamo alcune strategie di marketing digitale che i brand possono adottare per comunicare e vendere con successo a tutti i clienti, diretti e indiretti.

Per saperne di più +

Guarda la nostra piattaforma IN AZIONE

Prenota una demo