Quasi il 75% degli shopper online abbandona i carrelli al momento del pagamento. Si tratta di un fenomeno del tutto naturale nell’e-commerce, che i marketer non riusciranno mai a eliminare completamente. Ciò non vuol dire, tuttavia, che non si possano implementare delle strategie per arginare il fenomeno.

La strategia di maggior successo è implementare un customer journey per il carrello abbandonato: una semplice serie di email di follow-up che puoi inviare ai clienti che hanno abbandonato il tuo sito web senza fare acquisti. Ma tieni a mente che quasi tutti gli e-commerce ormai stanno usando la stessa strategia. Quindi prenditi del tempo per costruire un piano ben ponderato e adottare un approccio creativo.

Ecco alcune best practice da considerare:

Timing efficace

Idealmente, il tuo journey dovrebbe consistere di 2-3 email, inviate a un intervallo di tempo appropriato l’una dall’altra. Da quel che abbiamo visto con i nostri clienti, le opzioni con le migliori performance sono:

  1. Prima email dopo 30 minuti o 1 ora
  2. Email di follow up dopo 1 giorno
  3. Ultima email di follow up dopo 3 giorni

La prima email del carrello abbandonato generalmente avrà la migliore performance, a prescindere dal timing, e genererà il 50-60% dei ricavi totali.

Consiglio prezioso:  Il 72% dei visitatori comprerà entro 12-24 ore dalla prima visita all’e-commerce.

Contenuto dell’email e focus del messaggio

Nella formulazione del contenuto del messaggio, sii professionale, ma non apparire disperato. Assicurati che il messaggio sia chiaro, ordinato e conciso, con una chiara call to action. Va bene usare un tono leggero per attrarre curiosità nell’oggetto delle email, nei pre-header e nei messaggi.

Consiglio prezioso: Sii personale. Nell’oggetto dell’email e nei titoli, usa i nomi dei clienti e i nomi dei prodotti abbandonati. Includi sempre immagini dell’articolo/degli articoli del carrello abbandonato e solo dettagli rilevanti. È anche una buona idea includere immagini di prodotti e/o consigli correlati.

Esempio di email #1:

  • Adotta l’aproccio da servizio clienti: Utilizza la prima email del carrello abbandonato come un’opportunità per scoprire perché qualcuno non ha comprato e usare queste informazioni di qualità per migliorare in modo proattivo la tua procedura di acquisto. Chiedi: “C’è stato un problema?” “Come possiamo aiutarti?” Questo approccio identifica i punti di frizione e viene percepito come sincero, che non bada solo a realizzare la vendita. Assicurati di includere un link per contattare l’assistenza clienti o che rimandi a una pagina di risposte alle domande frequenti.
  • Concentra l’attenzione sul “link per tornare al carrello”: Rendi semplice il completamento dell’ordine permettendo di bypassare tutta la procedura di registrazione.
     

Oggetto: (Nome), hai dimenticato qualcosa nel carrello!

Pre-header: Possiamo aiutarti? (numero assistenza al cliente)

Esempio di email #2:

  • Semplifica la procedura di pagamento: Come detto, rendi le cose facili fornendo link che riconducano direttamente al carrello nel punto in cui è stata abbandonata la procedura di acquisto.
  • Senso di urgenza - scarsità: Il FOMO è una cosa reale (“Fear of Missing Out”, la paura di perdersi qualcosa). Aggiungere nell’email qualche recensione di consumatori che hanno già acquistato il prodotto può essere convincente, costruendo al contempo fiducia e credibilità nel tuo brand. In effetti, l’88% dei consumatori afferma che rating e recensioni hanno influenzato le proprie decisioni di acquisto.4
  • Effettua un paio di A/B test nell’oggetto dell’email per instillare urgenza:

§  Ordina subito mentre le scorte sono disponibili…

§  Affrettati: ne restano solo x (numero di articoli)…

§  Questo articolo è stato visto x volte nell’ultima ora...

Oggetto: Gli articoli nel tuo carrello stanno per esaurirsi in fretta...

Pre-header: Agisci rapidamente se li vuoi acquistare.

Esempio di email #3:

  • Senso di urgenza – ultima possibilità: Se la minaccia della scarsità non ha funzionato, invia un’email di “ultima possibilità”, avvisandoli che il carrello sta per scadere. Anche qui, potresti provare un A/B test con un’offerta a tempo limitato e uno sconto speciale.

Oggetto: Ciao, 10% di sconto sul tuo carrello! Valido solo fino al (giorno).

Pre-header: Agisci rapidamente.

Come sempre, puoi ottimizzare ulteriormente le tue email di carrello abbandonato con A/B test per contenuto, oggetto, pre-header e ora di invio.

 

Caso di successo di recupero del carrello abbandonato

Il retailer online di coperte,  Missouri Star Quilt Company, ha integrato i dati relativi al carrello abbandonato con i dati sulle offerte quotidiane. In tal modo, l’azienda contatta i clienti in tempo perché possano trarre vantaggio da offerte quotidiane sui prodotti a cui erano interessati, rispettando al contempo i tempi di scadenza delle promozioni. Sfruttando i dati per lanciare campagne email tempestive e rilevanti, Missouri Star Quilt Company ha convertito i carrelli abbandonati in acquisti completati.

Abandoned Cart Recovery: Email Strategies to Win Customers Back & Capture the Sale

Are your customers forgetting items at check-out? Find out how to win customers back and recapture the sale forgetful shoppers with Selligent Marketing Cloud's cheatsheet on best practices for abandoned cart re-engagement.

Read More +

Guarda la nostra piattaforma IN AZIONE

Prenota una demo